Chi siamo

L’associazione Comitato Articolo 26, apartitica e aconfessionale, è composta da genitori, docenti e specialisti dell’educazione e riconosce il suo punto di forza nella collaborazione tra famiglie e insegnanti di ogni ordine e grado della scuola italiana.

La nostra associazione riunisce e mette in rete un numero crescente di genitori, docenti ed educatori in tutta Italia e si impegna a promuovere il valore della libertà di educazione, a sostenere la responsabilità educativa delle famiglie e il primato educativo dei genitori, riconosciuto dall’art. 26 della Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo, che afferma: “I genitori hanno diritto di priorità nella scelta del genere di istruzione da impartire ai loro figli”.

Articolo 26 è una realtà che nasce “dal basso”, cioè dall’iniziativa di semplici genitori che hanno sentito l’esigenza di rispondere in positivo all’attuale sfida educativa e rilanciare la corresponsabilità pedagogica tra scuola famiglia, in particolar modo sul tema delle nuove emergenze educative.
In perfetta coerenza con questa impostazione ci poniamo in maniera critica – nel senso più positivo del termine, che implica l’esercizio della capacità di giudizio ragionato e meditato – rispetto a scelte didattiche che oppongano dialetticamente le due realtà educative della scuola e della famiglia, in particolare su temi che riguardano la personalità degli alunni e che, proprio in quanto tali, devono essere trattati nel rispetto del pluralismo educativo e culturale delle famiglie.

Soprattutto in materia di scelte etiche, di affettività e sessualità, Articolo 26 si adopera per affermare il necessario riconoscimento della dipendenza di tali delicate dimensioni della personalità da variabili culturali, antropologiche e religiose proprie del contesto familiare nel quale i figli si trovano a crescere, variabili degne del più profondo e condiviso rispetto. È la famiglia, infatti, la primigenia e insostituibile realtà educativa, responsabile della formazione dei figli per l’edificazione della società umana.

La nostra associazione persegue quindi una reale continuità educativa tra scuola e famiglia, difendendo la scuola statale da pericolose impostazioni ideologiche di recente affermazione e diffusione, fornendo ai genitori strumenti concreti, servizi di informazione e consulenza per partecipare alla vita scolastica e all’educazione dei figli e interagendo efficacemente con le istituzioni scolastiche e politiche del territorio.