Oggi Articolo 26 ha bisogno di te!
Aiutaci a portare la tua voce al Miur per la libertà educativa
Dal comitato
0 Grande successo per gli incontri per docenti nella provincia di Massa

Ampia e calorosa partecipazione ai due corsi di formazione rivolti ai docenti della provincia di Massa svolti dalla nostra associazione con il patrocinio dell’ufficio scolastico regionale del MIUR.
Diversi i temi trattati nel corso dei due incontri: la gestione del mondo delle emozioni con bambini e adolescenti e l’importanza della alleanza tra scuola e famiglia di fronte alle nuove sfide educative.

Scuola
0 Decreto Inclusione: nuovo affondo ai diritti educativi delle famiglie

Tornati a scuola dopo le vacanze di Pasqua, molti genitori hanno trovato nuovi problemi da affrontare.
Riportiamo un articolo di TUTTOSCUOLA che spiega con chiarezza che pur in presenza di una legge in favore degli alunni disabili, si ricomincerà anche per il futuro con i “caroselli dei docenti di sostegno” annuali, a danno dei ragazzi e delle famiglie, poiché tale legge è stata ignorata dai decreti attuativi della Buona Scuola, recentemente approvati.

Dal comitato
0 Sull’educazione di genere le scuole devono chiedere il consenso ai genitori: ma questo avviene davvero?

Durante il Question Time di ieri 12 Aprile 2017 alla Camera il ministro Fedeli ha ribadito che nella scuola non può entrare l'”ideologia gender” (di cui finalmente anche il governo ammette l’esistenza) e che le scuole devono riconoscere ai genitori obbligatoriamente il “diritto al consenso informato e all’esonero dei figli” da tutti i progetti relativi all’educazione di genere e contro le discriminazioni che essi non condividano.

1 2 3 16

Educazione di genere
0

“Gender” a scuola: il no arriva direttamente dagli insegnanti

Riportiamo un interessante articolo pubblicato oggi da “La Verità”, che accende i riflettori sulle iniziative che a scuola procedono spedite nel campo della cosiddetta educazione di genere: formazione degli insegnanti di asilo e materna, stereotipi da decostruire e linguaggio “sessista”; il tutto con le connessioni tra il Comune di Roma, i bandi, le associazioni filo-lgbt, l’Unar e la facoltà di Psicologia della Sapienza di Roma.